PROGETTO INTERNAZIONALE

Strutture protettive per la conservazione di siti archeologici: considerazioni ambientali per la conservazione dei templi Megalitici di Hagar Qim e Mnajdra di Malta (Sito UNESCO)

In collaborazione con Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISAC) abbiamo realizzato il sistema di monitoraggio costituito da sensori termoigrometrici classici associati ad altri appositamente studiati per l’analisi della formazione della condensa superficiale in tempo reale e in modo diretto. I sensori sono stati installati, i dati raccolti tramite software creato ad hoc e inviati via remoto in sede.

In collaborazione con il CNR-ISAC i dati sono stati successivamente elaborati e interpretati fornendo al committente l’interpretazione dei fenomeni in atto per la comprensione di eventuali misure da effettuare per affrontare gli stessi.

Obiettivi
L’obiettivo è stata l’indagine microclimatica per la valutazione delle lesioni registrate nel materiale lapideo e la progressiva definizione del rapporto tra struttura ed ambiente. Per più di un anno è stato effettuato un costante monitoraggio delle condizioni cui sono sottoposti i materiali per comprenderne le cause del deterioramento.
Il fine era anche la valutazione sull’opportunità di porre una copertura a protezione successivamente effettuata. Appositi sensori costruiti ad hoc e associati ad altri commerciali ha consentito di individuare tempestivamente eventuali processi di degrado, capire cosa li innesca e come poterli bloccare o almeno mitigare evitando quindi interventi attivi ed invasivi sul materiale. cf1 093 cf1 132 Copertura Hagar Qim 1 Hagarqim IMG_3128 cf1 099